L’Isola delle Correnti, 36°38’33” di latitudine nord e 15°5’19” di longitudine est, è il luogo più a sud di Europa, sotto il parallelo di Tunisi e di Algeri.

“L’Europa, che comincia a nord con fiumi gelati e popoli dal pensiero lucido e senza vertigini, dopo il gran salto delle Alpi, si ingolfa, da questa parte, nel Mediterraneo e finisce lentamente con la Sicilia. L’Europa che finisce: ecco la Sicilia”.

Così scriveva Vitaliano Brancati.

Per quanto mi riguarda, è un luogo magico, il Finisterre siciliano, una striscia di terra alla fine di un continente, dove guardi l’orizzonte e sai che oltre questo mare c’è l’Africa. Perché l’Africa la senti in questa sabbia argillosa, nel sole che brucia sulle spalle, nella vegetazione bassa, nei tramonti infuocati.

E’ il luogo dove si incontrano e si scontrano un Mar Jonio blu con capricci bianchi di spuma, con le onde chiare, lunghe e dolci del Mar Mediterraneo, le cui correnti appunto si sfidano perennemente dando vita a questo incredibile fenomeno naturale (per questo la zona è sempre un pò ventosa).

Potete esplorare a piedi l’isola, che è collegata alla spiaggia da un lingua di pietra che in base alle maree si presenta parzialmente sommersa. E’ affascinante attraversarla, così selvaggia e incontaminata. Ci troverete cespugli di macchia mediterranea e piante di capperi, il suggestivo faro, una piccola struttura militare in disuso e poche abitazioni, dove un tempo risiedevano il guardiano del faro e la sua famiglia.

E quanto sarete arrivati alla punta sud dell’isola e vi sentirete in mezzo al Mediterraneo, voltatevi: ecco la Sicilia, l’Europa che comincia.

“E quando spunta il sole te ne resti qui a guardare tutto il gioco delle luci che colora questo mare e questi luoghi senza tempo, e tutta l’aria sa di sale, di quello stesso odore che dovevano sentire anche gli antichi naviganti, fini commercianti, grandi conquistatori, pirati senza patria, trafficanti senza scrupoli, ladri di tesori o nobili signori in cerca della loro gloria: se ti tuffi in questo mare fai un bagno nella storia…”

Nel 2000 i miei genitori girarono la Sicilia in macchina, seguendo un itinerario che da Catania tagliava per Palermo, per ridiscendere dalla costa ovest e, superata Agrigento, seguire la costa sud orientale, risalendo a Catania. Quando arrivarono qui, rimasero abbagliati. Comprarono una casa in costruzione e l’anno seguente mi condussero a vederla. Abbiamo dormito in un appartamento in zona Scalo Mandria, a Portopalo di Capo Passero. La mattina quando mi sono svegliata, ho aperto le imposte e ad aspettarmi c’era un caleidoscopio di colori.

Ho cercato negli anni di quantificare le sfumature di azzurri e di verdi che ci regala il nostro mare, ma ancora non ci sono riuscita. Volete provarci voi?

Trovate posto a Scalo Mandria, nella piazza chiamata Terrazza dei due mari proprio davanti all’Isola di Capo Passero, magari sorseggiando un buon calice di Inzolia. Gotevi la brezza di mare, anche se non capirete se arriva dal mar Ionio o dall’Africa.

Se c’è un luogo in cui puoi credere di sentire le sirene, è questo!

L’isola è  una autentica perla naturalistica, tra palme nane, gigli di mare, conigli, lucertole, fanelli e cardellini, rughetta marina e gabbiani.

Circumnavigarla in barca è un’esperienza da non perdere. Navigando in senso orario si incontrano i magazzini per le attrezzature della Tonnara di Portopalo, una delle più importanti di Sicilia. Intorno alle costruzioni svettano ancore ormai arrugginite che servivano a fissare al fondo del mare le pesanti reti che conducevano i tonni verso la camera della morte. Appena la costa comincia ad alzarsi, appaiono le prime grotte marine, la più bella è la grotta del polipo. Poco più avanti, la costa diventa bassa e frastagliata e qua e là emergono scogli isolati. Nella sua parte occidentale, c’è una bellissima spiaggia unita a Portopalo da una lingua di sabbia che si intravede a pelo d’acqua: è la dorsale del bassofondo che la unisce “spiritualmente” alla costa siciliana.

La star dell’isola è il Forte Spagnolo, costruito nel 1600 per mettere un freno alle continue scorrerie di pirati e corsari turchi,  di fronte al quale svetta la statua bronzea di Maria SS Scala del Paradiso guardiana del mare di Sicilia.

All’entrata di una delle stanze del primo piano, su un’architrave, è scolpito il seguente motto:

“Melius est invidia urgeri quam commiseratione deplorari, 1701” che grossomodo viene tradotta con “meglio sbrigarsi che deplorare con commiserazione gli eventi”.

A sinistra di Scalo Mandria, superate le casette dei pescatori e il Castello Tafuri, trovate uno dei luoghi che esercita su di me maggior suggestione, la Tonnara di Capo Passero. 

Anche se finora è stata quasi del tutto abbandonata a se stessa,  continua a mantenere un fascino tutto particolare che deriva dalla sua architettura e dal rapporto instaurato con il mare: dovete immaginare come si presentavano la loggia e lo stabilimento per la lavorazione del tonno, la grande fornace, i magazzini delle botti (o del sale), la chiesa del XVII secolo con la croce di Malta, l’abitazione del proprietario e le casette dei tonnaroti, il tutto immerso in uno splendido e verdeggiante orto-giardino.  

Nessuna foto rende la sua bellezza! dovete venire qui, noleggiare una barca o fare un’escursione organizzata, e guardarla dal mare, perdendovi nella sua bellezza.

Se vi aspettate lidi attrezzati, lezioni di acquagym e cocktails da sorseggiare sdraiati sulla riva, cambiate meta!

Vendicari è una riserva protetta, vi si accede rigorosamente solo a piedi da uno dei quattro ingressi (no barca) e non ci sono bar. In cambio avrete mare incontaminato, spiagge di sabbia fine e bianca, uccelli migratori, tartarughe che vengono a deporre le uova e macchia mediterranea con qualche  pianta”intrusa” del Nord Africa.

E’ un luogo magico, puro, di una bellezza rara, lontanissimo dai rumori e dalla frenesia cittadina, e, come spesso succede in questa parte della Sicilia, un luogo dove si intrecciano storia, archeologia e una natura prepotente. Un luogo che deve essere  conservato intatto e per questo protetto. La riserva naturale orientata Oasi Faunistica di Vendicari è stata istituita nel 1984 dalla Regione Siciliana. Si trova tra Noto e Marzamemi e si estende per circa 1512 ettari.

I percorsi sono tranquillamente percorribili da tutti. Camminerete costeggiando il mare turchese, tra succulente, ginepro, tamerici e salicornie; finocchio di mare, cicoria spinosa, cespugli a cuscino di timo, di mirto e palme nane.

Un consiglio: sono stata a Vendicari tante volte, ma non l’ho saputa capire davvero finché non l’ho visitata con una guida faunistica, brava, preparata, capace di coinvolgere anche mia figlia di 9 anni. Contattatemi per informazioni.

Troverete:

i pantani: i pantani Piccolo, Grande, Roveto e i due minori (Sichilli e Scirbia, collegati al solo Roveto) sono separati l’uno dall’altro solo da poche decine di metri: essi rappresentano il fulcro della riserva. Tra i tre, solo il Pantano Piccolo non si prosciuga mai, neppure nei periodi di siccità, e ciò grazie alla presenza di sorgenti di acqua salmastra. Pantano Roveto è, invece, il più esteso e la foce che lo collega al mare è solitamente interrata.

schermata-2017-01-18-alle-11-06-09

i Greci: a sud della Riserva, poco distante dalla spiaggia di Marianelli, sono presenti alcune latomie (cave di pietra) del V sec a.C. utilizzate nell’antica città greca di Eloro per la costruzione di templi e monumenti; poco distante dalla Torre Sveva, in riva al mare, sono presenti delle vasche per la lavorazione del tonno, accanto alle quali è stata coperta anche una piccola necropoli. All’interno della Riserva è visibile anche un tratto dell’antica via elorina, che collegava la città di Eloro e Siracusa.

schermata-2017-01-18-alle-10-49-46

i Bizantini: sempre a sud di Vendicari, nella zona chiamata Cittadella dei Maccari, si può ammirare La Trigona, una delle più antiche chiese costruite in Sicilia, che come tutte le chiese dell’epoca è a pianta quadra con tre absidi, una cupola superiore e un’apertura a est cosicchè la luce della luna piena potesse entrarvi dando inizio alla santa Pasqua. A poca distanza ,vi sono diverse catacombe risalenti allo stesso periodo ed alcuni resti di abitazioni, segno di un’area densamente popolata.

schermata-2017-01-18-alle-10-46-21

gli Aragonesi: la Torre Sveva, costruita probabilmente da Pietro d’Aragona, conte di Alburquerque e duca di Noto (1406-1438), è una fortificazione per segnalare e respingere gli attacchi dei pirati Saraceni e Barbareschi, che con le loro continue scorribande saccheggiavano sistematicamente centri abitati e campagne dell’isola.  Nel corso dei secoli la struttura venne rinforzata e rimaneggiata, fino ad assumere la forma attuale.

età moderna: la Tonnara di Vendicari, detta anche Bafutu, venne costruita nel ‘700, supportata nella conservazione del tonno dalla presenza delle saline ed era una tonnara di ritorno, cioè una tonnara che pescava i tonni e gli sgombri che dopo la stagione degli amori ritornavano in mare aperto. Alternando periodi floridi a periodi di chiusura, la tonnara fu completamente ristrutturata nel 1914 per essere poi chiusa nel 1943, dopo lo sbarco degli alleati. Nell’isoletta di Vendicari, proprio di fronte la tonnara, c’erano l’abitazione dei Rais, il capo dei pescatori, dove viveva con la sua famiglia e quelle dei proprietari della tonnara. Oggi sono stati restaurati i ruderi diroccati dello stabilimento, i pilastri che ne sorreggevano il tetto, la ciminiera altissima e le case dei pescatori.

schermata-2017-01-17-alle-11-58-59

Birdwatching: la posizione geografica di Vendicari la rende un luogo ideale di sosta per gli uccelli migratori, che trovano un primo approdo dopo la migrazione primaverile lungo il mediterraneo e di conseguenza l’ultimo punto di ristoro prima dello svernamento autunnale.  Le acque dei pantani della Riserva, infatti, accolgono in gran numero le folaghe, cigni reali, oche selvatiche, fischioni, alzavole e germani reali, volpoche, aironi cenerini, sterne e grossi stormi di gabbiani reali, fenicotteri che grazie agli ultimi inverni miti hanno nidificato.

Fauna: oltre agli uccelli, a Vendicari sono presenti anfibi, come il rospo smeraldino, rettili e la tartaruga palustre siciliana. Sono inoltre tornate a nidificare le tartarughe Caretta Caretta: un segnale importante e un motivo in più per tutelare questa Riserva come un tesoro prezioso; tra i mammiferi sono invece presenti la volpe, il riccio, l’istrice e il coniglio selvatico.

Spiaggia di Calamosche: quando un siciliano originario di queste zone arriva ai Caraibi o su una spiaggia dell’Oceano Indiano, penserà sempre che il “suo” mare non è certo da meno! Calamosche è una caletta sabbiosa delimitata da due promontori rocciosi che fanno da riparo alle correnti, con il risultato di un mare sempre calmo e cristallino. Un’incantevole piscina naturale ideale per fare snorkeling .Nuotando verso la scogliera ai lati del golfetto, dove il fondale è più profondo, grotte, cavità e anfratti ospitano una variegata fauna marina. Vi si accede dalla Riserva con un percorso di circa 4 km, o dalla statale Noto-Pachino (SP19) dove troverete un ingresso dedicato; una volta arrivati al parcheggio attrezzato, bisogna percorrere un sentiero di circa un chilometro. Un piccolo sacrificio ampiamente ricompensato una volta arrivati, quando vi si aprirà davanti ai nostri occhi un luogo incantevole, un vero paradiso naturale!

L’ultimo lembo di Sicilia è riservato a chi ama viaggiare. Oltre le dune scolpite dallo scirocco e dal grecale, oltre i vigneti e gli ulivi del primo entroterra, spuntano oasi naturali e borghi di pescatori. Lasciatevi Siracusa alle spalle e seguite le indicazioni per Noto, il capolavoro del Barocco che dall’alto del suo altopiano scruta la valle dell’Asinaro profumata di agrumi e di fichi d’India.

Andate oltre.

Seguite il richiamo della salsedine e scoprirete la Riserva Naturale di Vendicari, una delle zone umide più belle in Europa. Qui troverete la spiaggia ritenuta la più bella della provincia di Siracusa: Calamosche. Per arrivare alla sua caletta di sabbia basta una passeggiata di venti minuti dall’area di parcheggio lungo un sentiero sterrato, fra le piante spontanee di erica, ginepro e timo, fino ai gradoni fiancheggiati dai muretti a secco. L’acqua trasparente è perfetta per lo snorkeling: basta tuffarsi per ritrovarsi faccia a faccia con saraghi, cefali e ricciole. La spiaggia si estende per 200 metri ed è incastonata tra due promontori, e questo fa sì che il mare sia quasi sempre calmo. Il fascino della spiaggia si deve anche alla varietà della vegetazione e alla presenza di un panorama mozzafiato. Scordatevi i servizi in spiaggia, i bar e gli stabilimenti balneari e ricordatevi di portare con voi acqua, cibo  tutto l’indispensabile per la giornata. Vicino al parcheggio c’è un agriturismo in cui si mangia molto bene. Tornando indietro stanchi e affamati qui potete trovare ristoro.

Come si raggiunge?  Percorrete in auto la S.S. 19 lungo il litorale e seguite le indicazioni per Calamosche. Una volta raggiunta l’area di parcheggio ai margini della Riserva occorre procedere a piedi per 15-20 minuti lungo un sentiero immerso nella macchia mediterranea. Nonostante queste difficoltà vale veramente la pena passare una giornata in questo meraviglioso paradiso terrestre.

Sempre all’interno della Riserva, più vicina a Pachino rispetto a Calamosche, troverete il mio paradiso, la spiaggia di Vendicari. Il colore del mare varia dall’ azzurro chiaro a un profondo blu. Inutile dirvi che l’acqua è limpidissima e pulitissima.  Se andate durante la settimana in bassa stagione potreste correre il pericolo di ritrovarvi da soli a godere di un posto meraviglioso. Dimenticate i bar, i lidi, i bagni pubblici, i racchettoni e la musica ad alto volume. Questa è una Riserva Naturale, vi depongono le uova le tartarughe. Solo voi, il mare e la natura.

Come si raggiunge?  Percorrete in auto la S.S. 19 lungo il litorale e seguite le indicazioni per la Riserva di Vendicari. Lasciata l’auto al parcheggio della Riserva, raggiungerete la spiaggia con una camminata di 10 minuti. Vi si accede anche dalla Strada IX di San Lorenzo, ma in questo caso vi aspetta una camminata per un sentiero in salita.

Fra l’Oasi di Vendicari e  Marzamemi, seguono come naturali continuazioni la spiaggia di San Lorenzo e la spiaggia della Spinazza. La prima è un piccolo eden di sabbia bianca,   non è grandissima ma offre servizi e possibilità di divertimento, e di conseguenza è spesso affollata. Qui ci sono i due lidi più noti della costa, Agua Beach e San Lorenzo, dall’anno scorso anche nella versione Plus, più chic con i suoi letti a baldacchino. La spiaggia libera c’è ma è molto limitata. Per quanto il mare qui abbia delle sfumature che ho visto solo nell’Oceano Indiano,  personalmente la trovo meno selvaggia, meno siciliana delle altre.   Se volete passare la giornata in uno dei due lidi e siete in alta stagione dovete per forza prenotare con largo anticipo.

Come si raggiunge?  Percorrere in auto la SP19 in direzione Pachino. Seguire le indicazioni per San Lorenzo.

La spiaggia della Spinazza è la spiaggia di Marzamemi, in quanto raggiungibile a piedi anche dal centro del borgo. La spiaggia è ampia, troverete alcuni lidi attrezzati anche con pedalò ma in gran parte è ancora libera. L’acqua è trasparente e la una sabbia fine e dorata, ideale per i bambini. Come accade nell’Oceano Indiano, ci sono spesso le posidonie. Lo sottolineo solo perchè molte persone le trovano sgradevoli, considerando la spiaggia “sporca”, ignorando invece che questa pianta marina ossigena il mare ed è fondamentale  per la sua salute, dunque è sinonimo di acque pulite.

Situata tra Portopalo di Capo Passero e Marzamemi, la spiaggia di Morghella, dalla sabbia dorata e dal mare cristallino, prende il suo nome da un’antica salina che si trova alle sue spalle, oggi non più attiva  e pantano che ospita diversi uccelli migratori. E’ la spiaggia meno indicata per i bambini, vista la profondità dei primi metri della battigia. Nelle zone adiacenti troverete delle scogliere dove praticare immersioni. A pochi metri dalla spiaggia  in direzione Portopalo, sgorga dalle rocce una sorgente di acqua dolce, nota come Acqua delle Colombe. L’accesso a questa zona è libero, ma la discesa del piano roccioso non è per tutti. La spiaggia è in parte libera, ed è presente un lido attrezzato.

Riprendete la strada litoranea per Portopalo e preparatevi ad un cambio di paesaggio. Qui il litorale infatti alterna dune di sabbia e scogliere a picco sul mare.

La prima spiaggia che incontriamo è la spiaggia di Scalo Mandrie, che è sicuramente una delle più suggestive della zona per quanto sia la spiaggia del paese, con la Tonnara da una parte e il gioiello naturalistico dell’Isola di Capo Passero dall’altra. Il mare è azzurro e smeraldo, con un fondale basso che degrada dolcemente verso il largo. La spiaggia è libera ma in estate sono presenti molti servizi per i turisti, compreso un ristorante con adiacente bar dove potrete ristorare lo stomaco e anche l’anima grazie alla vista mozzafiato.

Da provare anche l’affascinante zona sabbiosa dell’Isola di Capo Passero, una lingua di sabbia facilmente raggiungibile a piedi, attraversando il mare quando c’è bassa marea oppure con una piccola imbarcazione di pescatori che tutto il giorno, effettua il trasporto da e verso l’isola.

Lasciando Portopalo e proseguendo lungo il litorale troverete  la spiaggia dell’Isola delle Correnti. Dell’isola abbiamo già parlato qui. Sapete quindi che in questo specchio di mare si incontrano le correnti provenienti da diverse aree del Mediterraneo.  Sulla spiaggia, si può gustare la bellezza di questo luogo, con una sabbia fine e dorata, da cui assistere allo spettacolo delle onde che si innalzano irregolarmente per il vento e le correnti, e al volo degli albatros, quando il vento permette di stare sulla riva, dato che a volte le folate sono molto forti. Ma è un prezzo che si paga volentieri, magari anche dopo aver fatto i fanghi con l’argilla gialla e bianca della cava confinante con Carratois. La spiaggia è libera e ha un lido attrezzato, anche con letti a baldacchino.

Come si raggiunge?  Percorrete in auto la SS114 Siracusa- Noto e seguite le indicazioni per Portopalo. Anziché andare nel paesino che si affaccia sul mare, seguendo le indicazioni per l’isola delle Correnti si viene condotti ad un altro litorale, posto di fronte all’isola suddetta.

Continuando lungo la costa, trovate Carratois, altro gioiello imperdibile dal nome tropicale:  sabbia color oro, orizzonti senza fine con l’Isola delle Correnti sullo sfondo, mare che più azzurro non si può. I fondali sono bassi: per incontrare il blu cobalto delle acque più profonde dovrete nuotare per diversi metri verso il largo.  A destra la spiaggia termina con la piccola cava d’argilla di cui abbiamo parlato prima, con cui è abitudine cospargersi il corpo, aspettare che indurisca e buttarsi in acqua. La spiaggia è sia libera che attrezzata con più lidi, circondata da dune bianche scolpite dai venti che parlano inevitabilmente di Africa, come i tramonti che questa spiaggia regala ogni giorno.

E’ famosa anche per gli happy hour domenicali del Lido Playa Carratois e che vi consiglio: sorseggiare un mojto a ritmo di musica alla luce di un caldo tramonto è impagabile!

Nel suo tratto finale, la lunga spiaggia di Carratois diventa Punta Rio, una sorta di piscina naturale con fondale molto basso, ideale anche per i più piccoli. Le caratteristiche climatiche di questo tratto di costa, che va dall’isola delle Correnti a Punta Rio sono l’ideale per praticare windsurf, surd e kite surf: non è raro infatti vedere una processione di vele colorate anche nei weekend invernali.

Come si raggiunge?  Percorrete in auto la SS114 Siracusa- Noto e seguite le indicazioni per Portopalo. Anziché andare nel paesino che si affaccia sul mare, seguendo le indicazioni per l’isola delle Correnti fino a che, sulla destra, non troverete un variopinto cartello che indica spiaggia Carratois. La strada da percorrere è sterrata e di un bianco abbacinante.  Percorretela tutta fino al parcheggio, superate le dune ed ecco il paradiso!

Subito dopo Punta Rio, troviamo la spiaggia e la punta delle Formiche,  costituita da una punta di roccia arenaria, affiancata da un piccolo tratto di sabbia finissima che si interseca fra le rocce bianche.  Il nome Punta delle Formiche deriva dalla conformazione degli scogli che si prolungano verso la terraferma e che, visti dall’alto, sembrano formare appunto una colonna di formiche. L’accesso a questa spiaggia è garantito da una stradina interna un po’ tortuosa o in alternativa direttamente dal mare. Alle spalle della lingua di sabbia trovate una serie di grotte naturali.

Come si raggiunge?  Dovete prendere la strada che da Portopalo va verso Maucini, e proseguire su una strada sterrata in direzione di Costa dell’Ambra.

Prima di arrivare a Pozzallo e cambiare provincia, troverete la Spiaggia Granelli,  chiamata dai siciliani Raneddi o Ranelle o Granelle. La spiaggia è bella, selvaggia, incontaminata, spazzata dai venti africani, di sabbia dorata, non ancora aggredita dal turismo. Alle spalle i pantani, dunque non è raro vedere volare dei fenicotteri rosa. Rigorosamente e assolutamente libera*.

* a luglio 2017 è stato aperto il primo lido della Spiaggia Granelli.

Translate:

Parliamo di

Facebook

Google Reviews

Location da favola, vista impagabile. (Translated by Google) Fabulous location, priceless view.Oriana Olmo14 January 2020
Cominciamo con la location, praticamente sulla piazzetta, un luogo di una bellezza incomparabile. Dispone di una terrazza bellissima, con una vista quasi a 360°. Una meraviglia! Camera nuova, bella, luminosa e pulita. La signora molto gentile. Marzamemi è fantastica (Translated by Google) Let's start with the location, practically on the square, a place of incomparable beauty. It has a beautiful terrace, with an almost 360 ° view. Wonderful! New room, beautiful, bright and clean. The very kind lady. Marzamemi is fantasticCaterina C.1 January 2020
Rosanna Salerno12 September 2019

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.